Aryal

Il Diario della Gitana - GDR Extremelot
To bottom ↓
To top ↑
RSS subscribe

my-diary.org tip jar

2017-02-11 21:06:57 (UTC)

Il Rilascio

Anno XII - Mese 5° - Giorno 14°

Sono stata abbandonata in un sacco, come un animale.
Un telo a coprirmi il corpo, dilaniato dalle torture della Congiura.
Non posso parlare, non posso muovermi.
Almeno hanno avuto la decenza di lasciarmi dinnanzi al Lazzaretto.
Non so quanto tempo sia passato.
La luce mi ferisce gli occhi.
Non ho uno specchio, davanti, ma sono certa di avere un aspetto orribile.
Mi ha trovata un uomo, un cavaliere.
Ricordo le sue braccia forti, il calore del suo corpo contro il mio, gelato.
Luka, mi pare si chiami.

Credo di aver scioccato un paio di Cerusici.
Lady Jamira, ricordo il suo nome.
Ricordo le sue mani che cercavano di farmi del bene, facendomi ancora più male.

Avrei voluto dire almeno il mio nome.
Svelare la mia storia.
Dire il perché, di quelle cicatrici.

Ma non ricordo altro.
Il giorno dopo mi svegliai altrove, recuperata dalla mia piccola [S]

Ferite:
- Naso rotto
- Due tagli dagli angoli della bocca alle guance
- Mano destra ferita
- Due o tre costole incrinate.
- Bruciatura da corda su polsi e caviglie
- Tendine destro dietro la caviglia, reciso.

Profile